Crea sito

luglio 13, 2020

0 Commenti

Il mare negli occhi

quill-pen-and-inkwell-icon-psd-45779
– Poesie –

 

E se non puoi la vita che desideri
cerca almeno questo
per quanto sta in te: non sciuparla
nel troppo commercio con la gente
con troppe parole in un viavai frenetico.
Non sciuparla portandola in giro
in balía del quotidiano
gioco balordo degli incontri
e degli inviti,
fino a farne una stucchevole estranea.
Constantino Kavafis
Nota di Marilena Lucente: Il poeta greco Costantino Kafavis è nato e morto con il mare negli occhi, il mare di Alessandria d’Egitto. La sua poesia ha attraversato il Novecento, con la semplicità dello stile, la varietà dei contenuti. Verso dopo verso, legge la vita come se fosse un viaggio.
Sua è una delle più belle poesie dedicate alle isole, anzi, all’Isola: Itaca.
Se per Itaca volgi il tuo viaggio,
fa voti che ti sia lunga la via,
e colma di vicende e conoscenze.
In ogni suo testo c’è una spinta a pensare: alla vita che ci viene data, la vita come la trasformiamo, come la rendiamo nostra, intima, somigliante a noi, oppure, l’ultimo verso, il più drammatico, ne facciamo “una stucchevole estranea” .
Itaca t’ha donato il bel viaggio.
Senza di lei non ti mettevi in via.
Nulla ha da darti più.
Capire cos’è Itaca, conoscere le ragioni dell’andare, arrendersi a ciò che ci spinge al viaggio – “quando viene la notte a tentarlo/ con le promesse e con le sue lusinghe” – è il modo di dare vita alla vita.
è come svegliarsi sul mare, scrive Kavafis in un’altra poesia.
75
Continua a leggere...

luglio 13, 2020

0 Commenti

E’ quel che è

quill-pen-and-inkwell-icon-psd-45779
– Poesie –

 

E’ assurdo
dice la ragione
E’ quel che è
dice l’amore
E’ infelicità
dice il calcolo
Non è altro che dolore
dice la paura
E’ vano
dice il giudizio
E’ quel che è
dice l’amore
E’ ridicolo
dice l’orgoglio
E’ avventato
dice la prudenza
E’ impossibile
dice l’esperienza
E’ quel che è
dice l’amore.
E. Fried, E’ quel che è
Nota di Marilena Lucente: Una mia amica ha questo libro su un leggio sempre aperto nella sua cucina. Da anni. Dice di averne bisogno. Non so se lo legge ogni giorno oppure le basta sapere che è lì. Forse ha qualche verso in cui rifugiarsi o si riflette nella copertina.
Anche a me piace la poesia di Fried, la semplicità dei suoi versi e la potenza dei temi affrontati.
L’amore, in questo testo, prende la parola, accoglie esitazioni, rifiuti, dubbi. Non promette niente, perché sa – altre poesie tra le pagine lo raccontano – di non poter prevenire l’infelicità, ma conosce anche quello che accade in sua assenza:
La vita sarebbe forse più semplice
se io non ti avessi mai incontrata,
soltanto non sarebbe la mia vita.
Pagina dopo pagina, scrive Fried, non c’è niente, se c’è la forza di un sentimento, immeritevole di essere vissuto.
quel
Continua a leggere...

maggio 3, 2020

Commenti disabilitati su Maggio si’ tu!

Maggio si’ tu!

treble-staff-with-notes-01
– Canzoni –

 

Maggio si’ tu!
ca st’aria doce vaje prufumanno…
Quanta canzone faje cantá a doje voce!
Quanta suspire io manno!
Mme faje murmuliá
tutt”e ccanzone amate
pecché tu viene e dice:
“‘E ‘nnammurate
hann”a cantá!”
Hann”a cantá…
ca pure Ammore
passa e nun more!
E chi ha vuluto bene,
se sente, dint”e vvéne,
cchiù ardente ‘a giuventù:
Maggio, si’ tu!
Maggio si’ tu!
ca mme truvaste cu ‘o core ‘e gelo;
ma quanta rose attuorno mme purtaste,
e quanta stelle ‘ncielo!
Turnaje a suspirá
pe’ chi fuje tanta ‘ngrata…
“Ah – lle dicette – t’aggio
sempe amata
e pure mo…”
E pure mo,
tutt’è turnato
comm’è passato…
Sento ch”a voglio bene:
tu ffuoco, dint”e vvéne,
è fuoco ‘e giuventù:
Maggio, si’ tu!
Maggio, e pe’ te
mme stó’ facenno cchiù mateniero:
rose e viole a ll’alba stó’ cuglienno
comm’a nu ciardeniere…
Tu mme faje suspirá
‘mmiez’ê ciardine ‘nfiore:
“Si tuttecosa torna,
pure Ammore
ha da turná!…”
Ha da turná!
Ll’aggiu chiammato,
ll’aggio aspettato…
E mo, ch”a voglio bene,
mme sento, dint”e vvéne,
cchiù ardente ‘a giuventù:
Maggio si’ tu!
E.A. Mario, Maggio si’ tu!

Nota di Marilena Lucente:
Maggio sei tu. è vero, è così. ci sono persone che sono maggio, come ce ne sono altre che potrebbero essere benissimo venerdì, altre che hanno la faccia tirata di novembre e quelle che hanno negli occhi il vento di marzo.
Che storia pure questa di e.a.Mario(pseudonimo di Giovanni Ermete Gaeta). un personaggio da cui è passata la storia di napoli e persino dell’Italia. Nessuno che non conosca la sua Tammurriata nera, e la storia della nascita della canzone – altrimenti un giorno ve la racconto – mentre pochi sanno del suo fervente patriottismo. Sua è infatti “La canzone del Piave” che i soldati cantavano in guerra. Del 1913 è questa Maggio si’ tu!.
Ma E.A.Mario entra ed esce in questa primavera anche per un altra ragione. De Gasperi, Alcide De Gasperi, lo chiama a Roma, gli chiede di scrivere l’inno per la Democrazia Cristiana, e gli suggerisce che avrebbe poi appoggiato il suo testo per la scelta dell’inno definitivo.
Scrivo solo su ispirazione, non su commissione.
Deve essere stata più o meno questa la risposta di E.A, Mario.
E così fu scelto l’Inno di Mameli, il giovane patriota morto a 22 anni dopo essere stato colpito dai francesi negli ultimi giorni della Repubblica Romana. 1849. Un’altra storia, un’altra nazione che allora chiamavano patria. in ogni caso, un altro uguale disperato amore per l’Italia.
E chi ha vuluto bene,/se sente, dint”e vvéne,/ cchiù ardente ‘a giuventù: Maggio chi è?

italia

Continua a leggere...

maggio 3, 2020

Commenti disabilitati su BONGIORNO, RO!…

BONGIORNO, RO!…

quill-pen-and-inkwell-icon-psd-45779
– Poesie –

 

BONGIORNO, RO!…

Rosa, si chiove ancora
nun t’ammalincunì,
ca d’ ‘o bontiempo ll’ora
sta prossema a venì.
Nun vide? ‘E luce ‘e sole
lucene ‘e st’acqua ‘e file;
è ‘a morte d’ ‘e vviole,
so’ ‘e lacreme d’abbrile.
Ma mo cchiù ffresca e ffina
ll’aria se torna a fa’…
Meh!… A st’aria d’ ‘a matina,
Rosa, te puo’ affaccià.
Aràpe ‘e llastre: aràpe
sta vocca piccirella
addò sulo ce cape
nu vaso o na resella,
canta: chist’ è ‘o mumento;
tu cante e io, chiano chiano,
mme faccio ‘a barba e sento,
cu nu rasulo mmano.
E penzo: “’A i’ ccà; s’affaccia…
Mm’ ha visto… Mme saluta…”.
E c’ ‘o sapone nfaccia
dico: – Bongiorno, Ro’!….
Salvatore Di Giacomo

ro

Continua a leggere...

aprile 4, 2020

Commenti disabilitati su Adesso lo sappiamo quanto è triste stare lontani un metro

Adesso lo sappiamo quanto è triste stare lontani un metro

quill-pen-and-inkwell-icon-psd-45779
– Poesie –

 

Questo ti voglio dire
ci dovevamo fermare.
Lo sapevamo. Lo sentivamo tutti
ch’era troppo furioso
il nostro fare. Stare dentro le cose.
Tutti fuori di noi.
Agitare ogni ora – farla fruttare.
Ci dovevamo fermare
e non ci riuscivamo.
Andava fatto insieme.
Rallentare la corsa.
Ma non ci riuscivamo.
Non c’era sforzo umano
che ci potesse bloccare.
… omissis
Una voce imponente, senza parola
ci dice ora di stare a casa, come bambini
che l’hanno fatta grossa
… omissis
Adesso lo sappiamo quanto è triste
stare lontani un metro.

Mariangela Gualtieri, Nove Marzo Duemilaventi

228

Continua a leggere...

aprile 2, 2020

Commenti disabilitati su Non ti arrendere, per favore non cedere

Non ti arrendere, per favore non cedere

quill-pen-and-inkwell-icon-psd-45779
– Poesie –

 

Non ti arrendere, per favore non cedere
malgrado il freddo bruci
malgrado la paura morda
malgrado il sole si nasconda
E taccia il vento
Ancora c’e’ fuoco nella tua anima
Ancora c’e’ vita nei tuoi sogni.
Aprire le porte
Togliere i catenacci
Abbandonare le muraglie
Che ti protessero
Vivere la vita e accettare la sfida
Recuperare il sorriso
Provare un canto
Abbassare la guardia e stendere le mani
aprire le ali
e tentare di nuovo
Celebrare la vita e riprendere i cieli.
M. Benedetti, Non ti arrendere
Nota di Marilena Lucente: Non ti arrendere, per favore non cedere, l’ultima strofa di questa lunga poesia incomincia così. trovatela e leggetela tutta, c’è un verso giusto per ciascuno.
La foto si intitola “Alone” – Love at the time of the Corona virus ed è di Giuseppe Gradella Photography)

coronavirus

Continua a leggere...

febbraio 12, 2020

Commenti disabilitati su Bulli non si nasce, lo si diventa

Bulli non si nasce, lo si diventa

treble-staff-with-notes-01
– Canzoni –

 

billy-blu-marco-sentieri-sanremo-2020-696x392Marco Sentieri, all’anagrafe Pasquale Mennillo, è un cantautore casertano che sul palco dell’Ariston, ha presentato la canzone Billy Blu che racconta una delle tante storie di bullismo.

E’ stato Billy, già
proprio Billy
non è incredibile?
E’ stato Billy Blu
Billy Blu, Billy Blu
dico sul serio

Magro come un chiodo
occhiali spessi un dito
sopra occhiaie da malato
di un bluastro scolorito
fragile dimesso timido educato
era il più bravo della classe
perciò l’hai sempre odiato
con lui facevi il bullo
perchè tu nato nell’oro
gli scaricavi addosso
l’invidia del somaro
E lo chiamavi Billy Blu
pupazzetto animale
e gli sputavi tra i quaderni
lo spingevi per le scale
lui cadeva e tu ridevi
come ride un deficiente
si rialzava e sorrideva
ma non diceva niente
perchè lui era più forte
dei tuoi muscoli di cera
e tutta la sua forza l’hai scoperta l’altra sera
sì perchè
E’ stato Billy Blu
Billy Blu, Billy Blu
Billy Blu, ma
Ma la vita è un giustiziere
tutti i bulli adolescenti
poi diventano quegli uomini
dai mille fallimenti
e tu fallito e solo
appena uscito da galera
volevi liberarti da te stesso l’altra sera
e hai bevuto e hai camminato fino all’alba
lungo il fiume senza ne meta ne pace
poi sei salito su quel ponte
un bel segno della croce
ma dietro le tue spalle hai sentito la sua voce
“hey, ti ricordi di me”
così ti sei voltato
la luce della luna illuminava uno magro
ma l’hai riconosciuto solo quando ti ha sorriso
e ti ha detto “ti aiuto”
Ed era Billy Blu, Billy Blu, Billy Blu
“e dai abbracciami”

E così è stato Billy a salvarti la pelle
quel ragazzo magro magro
che ti stava sulle palle
no ma quale odio
non ho nessun rancore
eri tu quello più debole
tu dentro stavi male
perciò venivi a scuola e scaricavi sul mio banco
veleno e prepotenza da mostrare a tutto il branco
ma adesso l’hai capito
lo vedo dal tuo viso
la forza del più forte
è rinchiusa in un sorriso
“ti ricordi di me”
io sono solo uno
dei tanti Billy Blu
quelle vittime di un bullo
che ogni giorno li tormenta
ma bulli non si nasce, no
lo si diventa
quando hai una famiglia distratta e disattenta
E allora come hai pianto,
hai pianto e hai chiesto scusa
poi siete andati al mare
due birre e una gazosa
e finalmente hai vomitato
i fantasmi dell’infanzia
tuo padre che non c’era
tua madre piena d’ansia
che ti dava sempre ragione
anche quando avevi torto
tutti i tuoi casini
sono il frutto di quell’orto
non hanno mai capito che per non farti del male
servivano carezze si, ma all’occasione
due schiaffi d’amore

Continua a leggere...

febbraio 12, 2020

Commenti disabilitati su Febbraio

Febbraio

quill-pen-and-inkwell-icon-psd-45779
– Poesie –

 

febbraio-textFEBBRAIO
Ogni anno, mentre scopro che Febbraio
è sensitivo e, per pudore, torbido,
con minuto fiorire, gialla irrompe
la mimosa.
S’inquadra alla finestra
di quella mia dimora d’una volta,
di questa dove passo gli anni vecchi.
Mentre arrivo vicino al gran silenzio,
segno sarà che niuna cosa muore
se ne ritorna sempre l’apparenza?
O saprò finalmente che la morte
regno non ha che sopra l’apparenza.
Giuseppe Ungaretti

Continua a leggere...

febbraio 12, 2020

Commenti disabilitati su Dopo tanta nebbia a una a una si svelano le stelle

Dopo tanta nebbia a una a una si svelano le stelle

quill-pen-and-inkwell-icon-psd-45779
– Poesie –

 

wp-1489398304088Dopo tanta
nebbia
a una
a una
si svelano
le stelle

Respiro
il fresco
che mi lascia
il colore del cielo

Mi riconosco
immagine
passeggera

Presa in un giro
Immortale.

Giuseppe Ungaretti – Sereno
Bosco di Courton, Luglio 1918

Continua a leggere...

gennaio 18, 2020

Commenti disabilitati su Il mio numero è 1348

Il mio numero è 1348

quill-pen-and-inkwell-icon-psd-45779
– Poesie –

 

82858100_477930529824348_2098819512462737408_n

Otto

Il mio numero è 1348,
fa rima con la mia età, 8.
vorrei trovare solo una via di sotto
per scappare con il mio orsacchiotto.

Qui ci sono tanti corpi,
Profanati,
Mutilati,
Insanguinati,
sono i corpi degli uomini fucilati o bombardati.
Impauriti,
Piangenti,
Malati,
Sono gli occhi di noi bimbi abbandonati.

Quel boato che rompe il silenzio tanto amato ,
quello che mi lascia solo amaro.
Quel silenzio dopo il boato,
tanto amato,
perché sembra che il mondo un po’ di speranza mi abbia dato.

Artigiani, contadini, arrotini
trattati tutti come burattini.
Per non parlare di noi bambini
che diventiamo tutti dei piccoli soldatini.
Le donne invece piangono le loro doglie,
il ritorno della famiglia sono le uniche voglie.

Boati assordanti
ed i morti sono tanti.
Quanti pianti
che all’unisono sembrano tristi canti.

Il mio numero è 1348,
fa rima con la mia età, 8.
finalmente sono in mondo silenzioso,
arrivare qui è stato abbastanza afoso,
ma finalmente non sentirò più nessun boato fastidioso.
Qui il tempo è fermo ai miei 8,
almeno però non lotto.

23172616_1932891833698950_2954191891216124795_nNikla Cantone  V E Informatica “F. Giordani” Caserta – gennaio 2020

Abbiamo già pubblicato su “GiordaniLibri” una  poesia di Nikla quando frequentava la classe prima:
IL COLORE DELLA VIOLENZA il colore

Continua a leggere...