Crea sito

Archive | Canzoni RSS feed for this section

Balla anche per tutti i violenti veloci di mano e coi coltelli

novembre 11, 2017

0 Comments

treble-staff-with-notes-01
– Canzoni –

 

Balla anche per tutti i violenti veloci di mano e coi coltelli
Accidenti se capissero vedendoti ballare di essere
Morti da sempre anche se possono respirare
Vola e balla sul cuore malato illuso sconfitto poi abbandonato
Senza amore dell’uomo che confonde la luna con il sole
Senza avere coltelli in mano ma nel suo povero cuore
Allora vieni angelo benedetto prova a mettere i piedi sul suo petto
E stancarti a ballare al ritmo del motore ed alle grandi parole
Di una canzone canzone d’amore ecco il mistero

L. Dalla, Balla balla ballerino

ballerino

Continue reading...

Tutto chello c’aggio passato e mo’ nun credo cchiù

ottobre 31, 2017

0 Comments

treble-staff-with-notes-01
– Canzoni –

 

pino100E cerca ‘e me capì’
è tanto tempo che non ti vedevo
eppure so’ cuntento
‘o ssaje m’hanno fottuto ‘e viaggi e l’autostrada
tutto chello c’aggio passato e mo’ nun
credo cchiù
nun credo cchiù.

E torno a casa stanco muorto e nun
voglio fà’ niente
sto cu ll’uocchie apierte e sento ‘e
sunà’.

E pruove a vedè’ cu dint’a ll’uocchie
‘o sole
e c’o cazone rutto a parlà’ ‘e Rivoluzione
e cride ancora cride ancora
e pruove a vedè’ chi t’ha attaccato ‘e ‘mmane
e nun te può girà’ pecchè te fanno male
e cride ancora cride ancora…

E cerca e me capì’
vorrei strappare mille occasioni
e poi fuggir lontano
me so’ scucciato ‘e parlà’ e dire ogni volta
quel che ho dentro e poi star male e
poi suonare

Ma torno a casa stanco muorto e nun
voglio fà’ niente
sto cu ll’uocchie apierte e sento ‘e cantà’

E pruove a vedè’ cu dint’a
ll’uocchie ‘o sole
e c’o cazone rutto a parlà e Rivoluzione
e cride ancora cride ancora
e pruove a vedè’ chi t’ha attaccato ‘e ‘mmane
e nun te può girà’ pecchè te fanno male
e sona ancora sona ancora

P. Daniele E cerca ‘e me capì

Nota di Marilena Lucente: e ci sono quei giorni in cui questa canzone bisogna cantarla a qualcuno, o farsi fare compagnia con un un giro di note. Ci sono giorni in cui questa canzone è uno specchio i cui ti guardi e scopri quanto tempo hai dentro. Quanto tempo è passato, forse sei persino arrivato in quel punto preciso in cui sei giovane e vecchio insieme.

Continue reading...

T’ ‘e ddice ‘stu mare pe’ mme

settembre 23, 2017

Commenti disabilitati su T’ ‘e ddice ‘stu mare pe’ mme

treble-staff-with-notes-01
– Canzoni –

 

Zitta, stanotte nun dicere niente,
Cademe ‘mbraccia, ma senza parlà!
Dormeno ‘e ccose ‘nu suonno lucente,
‘Nu suonno ‘e ‘na notte d’està.

Marì, dint’ ‘o silenzio,
Silenzio cantatore,
Nun te dico pparole d’ammore,
Ma t’ ‘e ddice ‘stu mare pe’ mme!

Dimme: stanotte sì tutta d’ ‘a mia?
Ll’uocchie tuoje belle mme diceno ‘e sì.
No, cu ‘sta luna, nisciuna buscia
‘Sta vocca busciarda pò ddì!

Marì, dint’ ‘o silenzio,
Silenzio cantatore,
Nun te dico pparole d’ammore,
Ma t’ ‘e ddice ‘stu cielo pe’ mme!

Cielo, rispunne! Rispunneme, mare!
Stelle, pecché nun vulite parlà?
Napule, dimme: sò ddoce o sò amare
‘Sti llacreme c’aggia jettà?

Marì, dint’ ‘o silenzio,
Silenzio cantatore,
Nun te dico pparole d’ammore,
Ma t’ ‘e ddice ‘o silenzio pe’ mme!

L. Bovio, Silenzio cantatore

(anno di composizione: 1922)

silenzio

Continue reading...

Dove sono le tue mani ed il tuo naso

giugno 6, 2017

Commenti disabilitati su Dove sono le tue mani ed il tuo naso

treble-staff-with-notes-01
– Canzoni –

 

E vivrò, sì vivrò
tutto il giorno per vederti andar via
fra i ricordi e questa strana pazzia

siamo angeli
che cercano un sorriso
non nascondere il tuo viso
perché ho sete, ho sete ancora

Tu dimmi quando, quando
dove sono le tue mani ed il tuo naso
verso un giorno disperato
ma io ho sete
ho sete ancora

massimo
Continue reading...

Tulipani

aprile 2, 2017

Commenti disabilitati su Tulipani

treble-staff-with-notes-01
– Canzoni –

 

Ma splendido fu il tempo
necessario, lento, violento


“Non occorre parlare. Certi silenzi soffiano come il vento”. Qualche volta può bastare il silenzio per raccogliere l’aria di una città che sembra sospendersi, all’improvviso incredula in un pomeriggio che assomiglia all’estate e diventa di colpo triste. Fausto Mesolella ci dice addio “nel tempo in cui si apre un tulipano”. Le ore successive passano scambiandosi ricordi come per distribuirsi il dolore, farne un po’ per uno, momenti che risalgono a pochi giorni prima, un’ultima volta, un episodio, una battuta, pezzi di vita passata, giù giù sino all’infanzia. E poi La Storia, quella della chitarra rubata, che raccontava lui, che adesso raccontano gli altri ed è l’unica che riesce a strappare un sorriso.
“Era all’inizio un piccolo cuore che linfa e destino premeva a fiorire”. A leggerle dopo, le sue canzoni sono piene di cuori che hanno da qualche parte una specie di dolore. Come la musica, che lui prendeva da lontano e portava lontano. Chiunque l’ha sentito suonare lo sa. Invece lui restava. Lo diceva e lo ridiceva. Restava a Caserta, come chi la sceglie ogni giorno. Senza orgoglio, una necessità, una verità basica.

Le radici, parole sue, sono importanti. Le radici, e poi le ramificazioni, le strade, gli angoli, le piazze, le vie dei locali, che adesso sono già un po’ più sue. Poche ore dopo, tanti presi dal bisogno di non perdere quello che ci ha lasciato, quel pezzo di storia così importante per la città. Erano anni picareschi, poveri, pieni di voglia di fare, di esserci, di non farsi spaventare da una città di provincia di cui potevi dire solo: qui non c’è niente. Anni in cui non c’era veramente niente ma le cose si facevano, c’era il vuoto e lui, insieme ad altri artisti, non si faceva immobilizzare, si dava da fare per riempirlo.

Anche a questo servono i ricordi di un uomo dal sorriso sghembo e gentile: a indicare un percorso, lui avrebbe fatto appena un cenno con la sua smisurata modestia. Una targa, un auditorium di una scuola, il nome di una via, di una piazza. Non ci avrebbe creduto. Sono così importanti i ricordi in una comunità. Diventano testimonianza,coesione, forza (soprattutto quando si tengono lontani dalle celebrazioni e dalla retorica).

“Ma splendido fu il tempo
Necessario, lento, violento
Per me forse l’ultimo,
per te il primo
Il primo del tuo nuovo giardino”.
Sono le parole di Tulipani, resta la sua musica, le note nell’aria, nelle nostre case, in una terra che stava provando a suonare sino a farla fiorire.

Marilena Lucente

Mesolella2_-Alfredo-Buonanno-681x483

ph Alfredo Buonanno

Continue reading...

Suonerò fino a farti fiorire

marzo 31, 2017

Commenti disabilitati su Suonerò fino a farti fiorire

treble-staff-with-notes-01
– Canzoni –

 

fausto1Non occorre parlare
Certi silenzi soffiano come il vento
Foglia d’amore vola lontano
Nel tempo in cui si apre un tulipano
Foglia d’amore vola lontano
Nel tempo in cui si apre un tulipano

Era all’inizio un piccolo cuore
Che linfa e destino premeva a fiorire
Spalancò i petali e fu bocca e cratere
Fuggirono parole, baci ed ore
Spalancò i petali e fu bocca e cratere
Fuggirono parole, baci ed ore

Ma splendido fu il tempo
Necessario, lento, violento
Per me forse l’ultimo, per te il primo
Il primo del tuo nuovo giardino
Per me forse l’ultimo, per te il primo
Il primo del tuo nuovo giardino

F. Mesolella, Tulipani

fausto2Nota di Marilena Lucente:Ho fatto questo sogno che mi ha fatto svegliare tutta ammaccata. Un silenzio incredibile in via della Ratta, un silenzio fermissimo, nel tepore di un pomeriggio di primavera che assomiglia all’estate. In via della Ratta non c’è nessuno solo la luce del sole sui muri e sulla strada che è tutta rotta e pericolante. la luce diventa ombra, abisso nel cantiere che sta di fronte i vecchi palazzi, la madoninna, i gatti. Stanno scavando fondamenta profondissime. Davanti alla cappellina di San Francesco hanno messo tre piantine di fiori di plastica – nella realtà e anche nel sogno – e dalle fessure dalle porta, dentro la statua tra la polvere, i rami dell’albero di fico, altre lame di luce. Quasi tagliano la strada e chi ci passa. Sempre questo silenzio che sembra infinito. Suonerò fino a farti fiorire. Lo penso io mentre guardo le piantine di plastica e i cespugli di capperi sulla facciata della chiesa. Alle spalle la luce di una strada in discesa, il vuoto del cantiere. e l’ombra che sale da laggiù. So che Fausto Mesolella era nato lì, in questa strada che faccio quasi tutti i giorni. non ho mai saputo dove esattamente. Non c’è mai troppo rumore in quel vicoletto, c’è la confusione lieve che fa la vita che non vuole mai tacere. Oggi sarà un giorno di parole, ma anche con il silenzio di quando va via chi aveva molto da dire, da cantare, da suonare. un silenzio che si infilerà dovunque, all’improvviso. Come fanno i gatti in quel vicolo e in tutti gli angoli del mondo. Suonerò fino a farti fiorire. Ha lasciato alla città di Caserta questo sussurro breve, gentile e timido come era lui.
fausto4

Manifestazione dell’ITIS “Francesco Giordani” presso la Provincia di Caserta con la partecipazione di Fausto Mesolella e Pasquale De Marco

Da Cantostefano. Fausto Mesolella canta Stefano Benni


fausto3

Continue reading...

e intanto votta ‘ncuorpo pecche’ nun se po’ fa’

marzo 21, 2017

Commenti disabilitati su e intanto votta ‘ncuorpo pecche’ nun se po’ fa’

treble-staff-with-notes-01
– Canzoni –

 

tre juorne ca cammino
senza pute’ parla’
e intanto votta ‘ncuorpo
pecche’ nun se po’ fa’
e curre curre forte
e’ nun te fa’ piglia’
e a nuje ce resta ‘o tuorto
‘e chesta libberta’

P. Daniele, Annarè

Nota di Marilena Lucente: che poi tra tutte quelle di pino daniele – questa canzone è bellissima – è quella che si fa meno cantare. bisogna solo ascoltarla, fare musica dentro, sino a quando le parole trovano il loro posto. Primo giorno primavera. Tutto da ascoltare

primavera

Continue reading...

Che te ne ‘mporta ‘e me

marzo 15, 2017

Commenti disabilitati su Che te ne ‘mporta ‘e me

treble-staff-with-notes-01
– Canzoni –

 

Biato a chi s’addorme e crede ancora ‘e suonne

Pino Daniele – Acqua ‘e rose

acquaChe te ne ‘mporta ‘e me
‘E chello ca nun faccio
Che te ne ‘mporta ‘e me, ‘e chesta faccia
Che te ne ‘mporta ‘e ‘llati
‘E chi nun ha maje dato
‘E chi nun fa maje niente pe’ nienteAmica mia nun è chiù cosa, nun è chiù cosa
è tutto all’acqua ‘e rose
è tutto all’acqua ‘e rose

Che me ne ‘mporta ‘e te
Si staje vestuta o annure
‘O ssaje me ‘mporta ‘e te sulo quanno giuro
Biato a chi s’addorme e crede ancora ‘e suonne
pecché ‘e suonne fanno parte d’a gente

Amica mia nun è chiù cosa, nun è chiù cosa
è tutto all’acqua ‘e rose
è tutto all’acqua ‘e rose

Continue reading...

Scegliersi che in fondo è un po’ anche riconoscersi

marzo 12, 2017

Commenti disabilitati su Scegliersi che in fondo è un po’ anche riconoscersi

treble-staff-with-notes-01
– Canzoni –

 

Scegliersi
che in fondo è un po’ anche riconoscersi
tutti quei no ma sarai mia
è una mia fantasia
che poi mi fa da spia
e porta un poco a sporgersi
però riuscire pure a reggersi
tutti quei no che sono sì
la solita mania
di far casa mia
negli occhi dove perdermi

F. Bentivoglio, M. Tronco, G. Servillo, Prima di te

Nota di Marilena Lucente: è la fantasia che racconta sempre – a noi – qualcosa di noi.
La fantasia, che ci sposta, ci posiziona verso lo slancio, ci chiede di andare un po’ più in là. proprio per non allontanarci troppo, da ciò che veramente vogliamo.
Questo testo va ascoltato nella versione struggente di Peppe Servillo nel cd L’amico di Cordova

scegliersi
Continue reading...

Donne piccole come stelle

marzo 8, 2017

Commenti disabilitati su Donne piccole come stelle

treble-staff-with-notes-01
– Canzoni –

 

serenaDonne piccole come stelle
c’è qualcuno le vuole belle
donna solo per qualche giorno
poi ti trattano come un porno.

Donne piccole e violentate
molte quelle delle borgate
ma quegli uomini sono duri
quelli godono come muli.

Donna come l’acqua di mare
chi si bagna vuole anche il sole
chi la vuole per una notte
c’è chi invece la prende a botte.

Donna come un mazzo di fiori
quando è sola ti fanno fuori
donna cosa succederà
quando a casa non tornerà.

Donna fatti saltare addosso
in quella strada nessuno passa
donna fatti legare al palo
e le tue mani ti fanno male.

Donna che non sente dolore
quando il freddo gli arriva al cuore
quello ormai non ha più tempo
e se n’è andato soffiando il vento.

Donna come l’acqua di mare
chi si bagna vuole anche il sole
chi la vuole per una notte
c’è chi invece la prende a botte.

Donna come un mazzo di fiori
quando è sola ti fanno fuori
donna cosa succederà
quando a casa non tornerà

Link al blog di Serena Rossi

Continue reading...